Rispondi a: FOTOREALISMO SENZA CYCLES

#541722

Harvester
Moderatore
  • Veterano Bronzo
  • ★★★
  • Post sul forum 2476
  • Blender.it Staff
  • Associato Blender Italia

Come ti ha già detto Anfeo, puoi ottenere ottimi risultati in termini di plausibilità con Blender Render, ma il problema è che devi aggiungere strati su strati di “effetti” che nel complesso impattano notevolmente sui tempi di rendering, al punto da rendere assolutamente più conveniente l’uso di Cycles in certe situazioni.

Concordo assolutamente sul fatto che BR sia utile per studiare le basi, però puoi simularne il comportamente anche in Cycles semplicemente azzerando l’illuminazione globale, impostando a zero il numero min e max di Bounces.

Comprendo che il non disporre di una macchina performante possa scoraggiare l’uso di Cycles, per questo ho dovuto prendere una decisione dopo diversi anni di più che soddisfacente utilizzo del precedente notebook, acquistandone uno nuovo e finalmente ho potuto sfruttare appieno le potenzialità di Cycles.

Il problema principale con Blender Render è che richiede continui aggiustamente tra luci e materiali senza contare i continui rendering necessari per valutare i risultati. Ho fatto una certa resistenza anch’io ma alla fine sono passato definitivamente a Cycles.

A puro titolo d’esempio ti mostro due schermate del rendering di una scena con materiali complessi esegute rispettivamente con Blender Render e con Cycles (osserva i tempi di rendering e la risoluzione dell’immagine), ed infine un video che ti raccomando sull’illuminazione della stessa scena (niente materiali essendo uno studio sulle luci):

 

0