Blender Italia forums Contest e iniziative Blender Italia Contest Contest artistici mensili Blender Italia Contest (BIC) 05-2021 “La pietra filosofale” Rispondi a: Blender Italia Contest (BIC) 05-2021 “La pietra filosofale”

andcamp
Partecipante
@andcamp
#851446

Risultato delle votazioni:

È stato assegnato un punteggio secondo questi parametri:

  • Concept o Storytelling: l’originalità dell’idea o la capacità di raccontare una storia
  • Modellazione: qualità e dettaglio della modellazione
  • Materiali e texture: qualità dei materiali e delle texture
  • Illuminazione: qualità dell’illuminazione della scena e del/i soggetto/i
  • Post-processing: complessità e qualità del compositing ed eventuali effetti speciali (VFX)

I punti assegnati si basano sulla seguente metrica:

  • 1 = Insufficiente
  • 2 = Sufficiente
  • 3 = Buono
  • 4 = Ottimo
  • 5 = Eccellente

Prima verranno assegnati i punteggi e poi separatamente un giudizio finale

 

 

 

 

Nefilim: 

Concept/Storytelling = [4,25]

Modellazione = [3]

Materiali e texture = [2,25]

Illuminazione = [2,5]

Post-Processing = [2,5]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,9

 

 

Tema in linea con quanto richiesto; gli elementi delineano bene l’atmosfera però la protagonista principale, la pietra filosofale, è quasi al buio e quindi gli strumenti presenti potrebbero essere quelli di un “mago qualsiasi”. Se la candela illuminava un libro illustrante il procedimento di trasformazione si sarebbe potuto raccontare meglio la storia.

Discreta la modellazione in generale, relativamente semplice nella maggior parte degli oggetti presenti, ma pulita, con qualche elemento interessante.

Il leggio crea un brutto effetto perché il libro inclinato appare sospeso nel vuoto. La candela è più simile ad una stalagmite e risulta risulta stranamente storta, potrebbero esserci problemi in seguito durante il consumo. Il telo del tavolo non cade netto lungo il bordo squadrato del tavolo, la pietra protagonista non si evidenzia dalle altre pietre presenti, diversi oggetti sono visibili chiaramente solo nel wire.

Interessanti materiali e textures dei libri. Indefinito il materiale utilizzato per il telo del tavolino che sembra quasi produrre luce propria; la sfera intorno al lingotto proietta l’ombra come se non fosse trasparente, la “magia” risulta inoltre poco visibile e il lingotto si confonde con il resto degli oggetti. Parimenti poco visibili e valorizzati i liquidi, la pietra del bastone in fondo, la struttura attorno alla pietra filosofale (quasi invisibile).

L’illuminazione dalla finestra della stanza crea una giusta atmosfera, però la scena presenta troppi particolari al buio.

Buona volontà dimostrata, ma era meglio lavorare bene su meno oggetti e tralasciare ciò che poi non è visibile nel render.

 

 

 

 

Meganus3D: 

Concept/Storytelling = [4,5]

Modellazione = [2,75]

Materiali e texture = [2,5]

Illuminazione = [2]

Post-Processing = [1]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,55

 

 

Centrato il tema.

Modellazione elementare con forme base, superflui gli esseri dietro la campana di vetro; se sono serpenti, probabilmente dovrebbero avere gli occhi meno frontali. Da migliorarne la modellazione, specie della testa.

Modellate alcune ciotole con spessore troppo fine. Forse per il mortaio si poteva usare meno loops.

Il bordino d’oro che risalta sulle ampolle e sul bicchiere li fa sembrare un servizio da tavola, più che funzionali in un laboratorio; all’interno della campana di vetro risalta un alone scuro che non dovrebbe esserci. Il mortaio, il contenitore dell’iscrizione e i vari contenitori per gli ingredienti sembrano composti tutti dallo stesso materiale, indipendentemente dalla funzione svolta, il quale non si distingue bene se sia legno o pietra.

Ci si aspettava un pavimento della roccia diverso rispetto alle pareti, più polveroso e scalfitto, specie nella crepa sotto il pezzo d’oro.

Brutto effetto di grigio uniforme su colorato della linguetta segna libro in basso.

Illuminazione sufficiente ma che non caratterizza bene la scena ed è posizionata male per la pietra nella campana che da riflessi inverosimili, per l’ambiente cavernoso in cui tutto è collocato, nascondendo anche la protagonista, inoltre si creano ombre troppo nette.

Un lavoro complessivamente gradevole ma con diversi dettagli da migliorare.

 

 

 

 

3skel: 

Concept/Storytelling = [4,75]

Modellazione = [3,5]

Materiali e texture = [3,25]

Illuminazione = [3]

Post-Processing = [1,75]

 

 

Punteggio riassuntivo: 3,25

 

 

Tema centrato ed elaborato originale. Forse era meglio una delle inquadrature contenute nel WIP che evidenziava meglio la differenza tra il gruppo degli oggetti da trasformare e quelli trasformati. Servirebbe un raggio volumetrico evidente e un effetto di trasformazione per rimarcare meglio quello che si sta facendo con il macchinario.

Contrasta un po’ la tecnologia della tuta e del dispositivo con il resto del laboratorio.

Semplici ma curati tutti gli oggetti sul tavolino, l’ominide è da rivedere in quanto a forma e proporzioni, sembra quasi fatto di gomma.

Non sembrano vedersi dei sostegni per l’attacco dei tubi al muro. La porta non sembra avere una maniglia.

Buoni i materiali degli oggetti in plastica ed i metalli, incongruenti i tubi e gli aeratori metallici relativamente puliti con la porta metallica completamente arrugginita.

La parte frontale dell’ominide è colpita da una luce rossa che invece dovrebbe essere direzionata solo dalla parte opposta; bisognerebbe evidenziare meglio che la pietra viene attraversata, da regolare quindi roughness, trasparenza, IOR e aggiungere un alone più evidente.

Idea fantasiosa ma lavoro da migliorare su diversi punti.

 

 

 

 

Nicola: 

Concept/Storytelling = [3,25]

Modellazione = [2,5]

Materiali e texture = [2,5]

Illuminazione = [2,25]

Post-Processing = [2]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,5

 

 

Assenza di storytelling e tema non proprio convincente: la pietra filosofale è particolare e riconoscibile per le sue proprietà, senza le quali sarebbe una comune pietra e nella scena non sono evidenziate; non c’è infatti un contesto e qualcosa che spieghi la funzione della pietra.

Scena semplice e con pochi dettagli, inoltre i raggi luminosi dovrebbero essere scaturiti dalla pietra, e non da sotto la base, e magari con una forma più simile agli archi voltaici. Con l’attuale scena si potrebbe illuminare di più l’interno della pietra, per evidenziare la sorgente della magia, e creare un flusso che vada dalla pietra al piedistallo, altrimenti sembra che faccia tutto la base e la pietra sia solo un ornamento.

Luce idonea alla scena.

L’effetto e la pietra ci sono, manca tutto il resto.

Scena gradevolmente appariscente, grazie alla luminosità, ma povera di dettagli.

 

 

 

 

BlenderDom: 

Concept/Storytelling = [4,5]

Modellazione = [2,25]

Materiali e texture = [2,25]

Illuminazione = [2,25]

Post-Processing = [2]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,65

 

 

Indovinato il tema. Forse da colorare la pietra di rosso, con qualche accenno alla sua funzione.

Modellazione base, con maggior complessità negli adepti situati però quasi al buio. Angoli vivi e assenza di dettagli. Nel render c’è un oggetto sulla mano sotto la pietra ma non è presente nel wire. Da modellare meglio la mano in primo piano.

Da rendere un po’ più rustico l’ambiente: le texture sono scalate troppo poco, mancano di sporcature/variazioni e risultano un po’ piatte rispetto all’ambiente.

Le candele di solito generano una luce calda, invece nella scena sembrano a luce fredda e troppo bianca, incomprensibili la luminosità delle ampolle e della scritta sul muro di fondo. Il raggio di luce lunare è troppo evidente e netto, andava sfumato di più.

Buono l’effetto glare con i raggi, ma troppo sovradimensionato (e con troppa aberrazione cromatica nell’ambiente circostante).

Lavoro da migliorare sotto vari aspetti.

 

 

 

 

Archi.la: 

Concept/Storytelling = [4,25]

Modellazione = [3]

Materiali e texture = [2,75]

Illuminazione = [2,75]

Post-Processing = [1,75]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,9

 

 

Tema quasi centrato, si vede che il personaggio esce dal cancello di quella che sembra essere una setta, però non è facilmente riconducibile alla pietra filosofale. Un po’ in contrasto tra l’ambiente medievale e l’illuminazione che sembra elettrica.

Discreta modellazione generale ma poco realistico il mantello. Da delineare meglio il ladro, migliorabile. Interessanti le piante però le IviGen sono poco variegate e gli alberi creati dalle curve hanno rami troppo arrotondati.

Da definire meglio la pietra, magari attribuendole un colore diverso (es:rosso), per distinguerla meglio e catturare subito l’attenzione su di essa.

Le scritte sui blocchi squadrati che delimitano l’ingresso emettono luce senza ragione e sembrano insegne di un pub, il muro appare troppo plastico.

L’illuminazione quanto basta per la scena

Un lavoro discreto comunque da perfezionare.

 

 

 

 

Fenix:

Concept/Storytelling = [3,5]

Modellazione = [2,5]

Materiali e texture = [2]

Illuminazione = [1,5]

Post-Processing = [1]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,1

 

 

Tema quasi centrato. Ben definito l’ambiente spirituale e di laboratorio, però non è stata evidenziata la protagonista della scena.

Scena ricca di oggetti, ma mancanza di proporzioni, inoltre alcuni elementi architettonici sono poco visibili. Da sistemare lo spessore delle spire degli alambicchi e delle gambe sedia. Un po’ criptico l’oggetto che sembra uno scorpione in basso a destra.

Texture inadeguate e in alcuni casi mal poste: da girare la colonna in modo che non si veda la cucitura della texture, da scalare la texture della parete sotto la cappa baldacchino.

De definire meglio la fenice e quel cerchio rosso che forse rappresenta la pietra filosofale.

La luce (forse proveniente da delle vetrate speculari a quelle visibili) dovrebbe essere più funzionale alla scena. Qui invece distrae illuminando oggetti di meno importanza.

Miglioramento costante, un invito a dedicare più tempo allo studio sull’utilizzo delle texture e dei materiali.

 

 

 

 

Angelo Lanzarotti: 

Concept/Storytelling = [4,25]

Modellazione = [2,5]

Materiali e texture = [1,75]

Illuminazione = [1,75]

Post-Processing = [1,25]

 

 

Punteggio riassuntivo: 2,3

 

 

Tema in linea con quanto richiesto. Si poteva dare un’aria più vissuta alla scrivania, considerando l’intenso lavoro svolto da Leonardo.

Modellazione molto base, quasi un low poly.

Accettabile il vetro delle ampolle, ma il resto della scena ha materiali piatti e puliti senza dettagli: da migliorare materiali e textures, con l’utilizzo di bump e normal map, in modo da caratterizzare meglio muri e legno.

L’utilizzo delle due luci fuori la finestra crea ombre divergenti divergenti.

Lavoro incompleto che si consiglia di migliorare.

 

 

 

 

1° classificato 3skel                                               con 3,25 punti

2° classificati Archi.la  e  Nefilim                            con 2,9 punti

3° classificato BlenderDom                                   con 2,65 punti

4° classificato Meganus3D                                    con 2,55 punti

5° classificato Nicola                                               con 2,5 punti

6° classificato Angelo Lanzarotti                            con 2,3 punti

7° classificato Fenix                                                 con 2,1 punti