Re:Awakener

#58308

Anonimo
Membro
  • Veterano Oro
  • ★★★★★
  • Conversazioni totali4019

Prima animazione???

Primo “corto” di prova…MERITA UN ATTENTA RECENSIONE!!

E sto cavolo io sto ancora lottando con un rig di una mano e con camminolo 😥 😯

Molto bravo..per essere la prima fa pensare a livelli molot alto e ben presto…

Un unico consiglio a livello cinematografico per il futuro quando sicuramente comincerai a fare corto di un certo livello…non vale per quei casi in cui il soggetto è unico e si muove in un unica scenografia.

Quando ci sono 2 soggetti e sceno larga i soggetti recitano SOLO tra di loro e lo spettatore è spettatore…come regola generale

il soggetto in scena che “recita” e guarda direttamente in cam rivolgendosi allo spettatore, oltre ad essere una cosa ormai vista e rivista non è consigliabile, fa entrare lo spettatore nel “film” (o corto) togliendolo da quella posizione di spettatore di una scena.

E’ una tecnica che può essere molto potente e fautrice di ottimi sketch comici, ma anche pericolosa perchè messa al punto sbagliato di fa perdere tutto il corto.

Va usata poco e con molta molta saggezza…un esempio MADRE..anzi L’ESEMPIO è Mel Brooks, un MAESTRO nel gestire questa tecnica.

esempio madre!

ABNormal.png :mrgreen:

ESEMPIO BASE: COme vedi…Higor è SOLO in questa scena..sia in camera che come soggetto..quindi è uno dei rari casi in cui il maestro Brooks..con genialità  sottolinea il momento chiave di tutto il film utilizzando questa tecnica…

Fa DIVENTARE lo spettatore non più spettatore ma in quel momento COMPLICE di igor …e quindi (igor è solo) l’unicaaltra persona testimone della bravata/errore di Igor…crea una complicità  tra igor e lo spettatore unico testimone e custode del segreto della bravata! Crea partecipazione…poi ripone sulla poltrona rifacendolo diventare spettatore..ma con un segreto condiviso che il protagonista Wilder non conosce ma noi SI!!! 😉

GENIALE!!

è consigliabile sempre lasciarla perdere sopratutto nel corto non si adatta bene, proprio perchè in pochi minuti bisogna catalizzare l’attenzione dello spettatore come SPETTATORE e non come partecipante al corto.

In un film hai il tempo tecnico di far risedere in poltrona lo spettatore con altri mezzi in 3 minuti di un corto non c’è il tempo materiale per fare ciò e ti perdi.

Te lo dico in genere…lo so questa era una prova…e anche un OTTIMA PROVA

Dai voglio vederti fare “cinema” ormai i mezzi li hai a disposizione.