Re:[Cortometraggio] Drawn to life

Blender.it | ArtWork | Work in Progress | [Cortometraggio] Drawn to life | Re:[Cortometraggio] Drawn to life

#179270

ortogonale59
Partecipante
  • Blenderista
  • Conversazioni totali29

No, non servono ne’ due ne’ tre computer. Per assurdo ne basta uno solo che fa da master e da slave. (anche se cosi’ non avrebbe molto senso 😛 )

La filosofia del sistema e’ questa:

Un computer fa da master, ovvero gestisce i compiti di rete. Per questo si usa il comando ‘master’, che si lancia da terminale e mette il sistema in ascolto di altri utenti.

Gli altri computer della rete fanno da slave (o, se vuoi, puoi chiamarli client, qui e’ la stessa cosa) e, per far cio’ lanci da terminale il comando ‘slave’. (su ogni macchina del sistema)

A questo punto c’e’ colloquio tra master e slave ma non si sa ancora cosa bisogna fare: qui entra in gioco ‘drqman’, il terzo programma di drqueue. Questo si incarica di creare uno script (un job) che contiene le istruzioni sul cosa deve essere fatto. Se renderizzi con blender creerai uno script per blender che usera’ i sistemi operativi indicati (Win, Linux, …) elaborando il file che avrai indicato nell’apposita casella, quindi renderizzera’ dal frame n al frame n+x con intervallo y tra un frame e l’altro.

Dal momento in cui fai partire il job comincia il giro di controlli su chi e’ disponibile a fare cosa e si va avanti fino al completamento della sequenza.

Questo a grandi linee.

Ancora piu’ astrattamente e semplicisticamente: la renderfarm lancia blender (ma c’e’ la possibilita’ di usare anche altri programmi) da riga di comando, senza GUI, dicendogli di renderizzare sul primo core disponibile della macchina all’indirizzo ip xxx.yyy.zzz.ttt il frame n del file .blend in questione

Poiche’ la macchina master puo’ ANCHE lanciare l’applicativo slave ecco come lo stesso computer fara’ il master e lo slave.

Per quanto riguarda il far girare drqueue sotto win ci ho rinunciato trovando piu’ semplice partizionare un disco di uno dei PC e fare il mix Ubuntu/Windows (la suite di Adobe CS non va mica tanto su linux e la devo usare per forza). Una volta capito il concetto ti assicuro che per installare la renderfarm su Ubuntu e farla funzionare non ci vogliono piu’ di 10 minuti per postazione.

Se ti vuoi cimentare ti posso assistere indicandoti passo passo cosa devi fare. Lo ho gia’ fatto con un altro utente un po’ di tempo fa e ci siamo riusciti…