Re:the fresco

#170672

MarcoA
Partecipante
  • Blenderista
  • Post sul forum 191
gikkio wrote:
Quello che vedo è in genere (non qui o li e non te e io… in genere) che si è fondata un idea della PAPPA PRONTA modello poi tanto fa tutto l’engine…è questo il pensiero che vedo fondarsi ed è pericoloso e sbagliato.

Ma perché?

Se illumino una parete rossa mi aspetto, da un motore fotorealistico, che il pavimento bianco risulti in parte illuminato da luce rossa riflessa dalla parete.

Se per ottenerlo con un altro motore di rendering devo utilizzare artifici (luci aggiuntive) o strumenti complicati (radiosity), questo motore semplicemente è poco orientato al fotorealismo, e io preferisco l’altro SE voglio ottenere risultati fotorealistici.

Cosa c’è di pericoloso o di sbagliato in questo?

Sono esigenze di utenti, diverse da altre esigenze di altri utenti.

Io sono abituato a ragionare nelle mie scene 3D come in un set fotografico.

Se dopo aver piazzato gli oggetti, definito i materiali, piazzato e regolato le luci, piazzato la fotocamera… il risultato che ottengo è lontano dalla “fotografia” che mi aspetto di ottenere, ebbene sto usando lo strumento sbagliato. “Peggiore”, “migliore”, “pericoloso”, “sbagliato” non sono categorie utili per fare questi discorsi.

Blender non è una religione, dire che il suo motore interno non dà  risultati fotorealistici in modo semplice e rapido (queste sì categorie utili in ambienti produttivi e professionali) non è peccato. Tant’è vero che si sta lavorando al software in questo senso, e forse avremo un po’ di G.I. anche nell’internal.

Quote:
I GROSSO GUAIO è che la gente NON SA ILLUMINARE CON L’INTERNAL

Io non lo so usare, non per lavorarci, almeno. Non “so illuminare con l’internal”, so – da fotoamatore – come illluminare nella realtà  e ho cercato un motore che illuminasse in modo più simile possibile come illumina la realtà .

Non è un guaio, è una scelta. Fortuna che il mondo del Software Libero permette di scegliere, e Blender stesso permette di scegliere, fin da quando Yafray (senza la “a”) era addirittura integrato nel programma, come “scelta fotorealistica” alternativa al motore interno.

1L_pCJ.jpg

😉

0