Stai visualizzando 19 post - dal 1 a 19 (di 19 totali)
  • Autore
    Post
  • Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #18209

    Con l'uscita di Unity per android agratisse, mi è venuto in mente, come progetto parallelo al di fuori del lavoro, di creare un giochino per smartphone. Sinceramente la cosa mi sconfiffera non poco, e non solo per le possibilità  economiche offerte (davvero con poco si entra in un mondo che prima era esclusivo appannaggio di ditte enormi), ma anche a livello creativo.

    Sembra possibile fare un semplice progetto tutto da soli il che non è mai cosa malvagia, però ci vuole anche un minimo di conoscenza nella programmazione, di cui sono a digiuno (ho dato nel frattempo un occhiata a Java, mi fa male la testa, ma si può fare).

    Qualcuno di voi ha esperienza a proposito?

    Bernardo
    Membro
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 1316
    @sdados
    #204018

    guarda mi sto documentando sulle stesse cose proprio ora perchè mi è capitato di ricevere richieste per un lavoro del genere.

    Ho qualche esperienza col GE e praticamente zero con Unity. Ho iniziato a smanettarci in questi giorni (con unity) e non mi sembra una cosa impossibile a primo impatto. Ovviamente dipende da cosa devi fare.

    Io comunque per il progetto che ho in mente sto ancora valutando se mi conviene restare sul GE o unity.

    Non ho bisogno di android, ma di una generica piattaforma con touch screen, anche multitouch, e sto vedendo che è possibile interfacciare il GE in tal senso.

    Per il futuro ho anche letto che potrebbero sfornare un supporto per android direttamente sul GE.

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204019

    Beh, si, in effetti credo sia la moda del momento.

    In giro è davvero ricco di tutorial a riguardo, anzi, leggevo un articolo che il traino di prodotti come Angry Birds stanno letteralmente facendo esplodere un mercato che si riteneva già  saturo con un aumento delle posizioni lavorative intorno al 40%, mica male!

    Inoltre, il budget di ingresso richiesto è irrisorio, mi scoccia solo dover acquistare uno smartphone (orrore e raccapriccio). Punterei su Android a dire il vero, sia perché non ho intenzione di acquistare un apple (e quindi con un impennata mica da ridere sui soldi da investire considerando mac più iphone) sia per la minore concorrenza a fronte di un installato comunque tutt'altro che ristretto

    Userei unity, sicuramente, non perché non mi fidi del BG, ma perché è già  bello e pronto l'interfacciamento, addirittura fai una cosa in unity, se non ho capito male, e poi scegli dove esportarla (xbox, iphone, android, wii…), ottimo. Inoltre pare che unity faccia gran parte del lavoro lasciando al minimo il codice da scrivere (che è la cosa che più mi frena a dire il vero)

    Bernardo
    Membro
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 1316
    @sdados
    #204020

    infatti unity è senz'altro più indicato, ma quello che devo fare è una semplice applicazione per una di quelle stazioni touchscreen per un museo… quindi una cosa relativamente semplice e non sono sicuro di aver bisogno di unity. Comunque mi sto documentando apposta :D

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204021

    Ah, capito cosa intendi. Si effettivamente è tutt'altra cosa.

    Quando lavori con questi benedetti smartphone hai a che fare con problematiche spesso spiazzanti, come potenza di calcolo e differenti release sul mercato.

    Bernardo
    Membro
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 1316
    @sdados
    #204022

    comunque ci sono novità  molto interessanti in vista per il GE e si parla anche di integrazione con altri SO (non credo osx comunque)

    http://blenderartists.org/forum/showthread.php?248538-New-BGE-Features

    Anfeo
    Partecipante
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2124
    @anfeo
    #204023
    'Jholen' wrote:

    Sembra possibile fare un semplice progetto tutto da soli il che non è mai cosa malvagia, però ci vuole anche un minimo di conoscenza nella programmazione, di cui soobno a digiuno (ho dato nel frattempo un occhiata a Java, mi fa male la testa, ma si può fare).

    Proprio semplice non direi. Programmare per android è abbastanza difficile, non tanto per le versioni, in quanto basta sceglierne una e bon, ma il difficile è riuscire a destreggiarsi tra i vari formati per lo schermo che a volte sono davvero tanti, in oltre hai altre problematiche legate a funzioni che certi cellulari hanno e altri no. Non c'è bisogno di sottolineare il fatto maggiore compatibilità  ha il tuo gioco e maggiori possibili acquirenti potresti avere ;).

    Fin'ora ho solo cercato di imparare un po' di Java e vedere dei motiri grafici 2d come cocos2D e Box2d, ma la documentazione per Android è davvero scarsa in oltre pare che nessuno supporti i progetti.

    Rimane il fatto che con Unity hai la pappa pronta, poi per noi che mastichiamo molto la grafica diventa facile assemblare un semplice giochino. Il difficile arriva quando devi gestire i punteggi, fare le classifiche, i menù ecc…

    In oltre per fare qualcosa di decente bisogna saper programmare, non c'è santo che tenga :D. Per decente intendo qualcosa che puoi vendere, se un giochino è troppo semplice, rischi che nessuno lo compri.


    Bernardo
    Membro
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 1316
    @sdados
    #204024

    quoto anfeo. A meno che tu non trovi l'idea da un milione di dollari che ti permette di fare una cosa semplicissima ma geniale, il codice ci vuole sempre. Unity sgrava molto mi pare, ma alla fine non ci levi le gambe. Qualche linea la devi buttar giù…

    Dovrò decidermi a scrivere qualcosa prima o poi :cool:

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204025

    purtroppo, nell'affare, è il mio unico cruccio. Ho iniziato a dare una lettura ad un libro su Java, non è difficile, almeno all'inizio, però devo ammettere che la trovo un occupazione molto grigia.

    {Genesis}
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 311
    @genesis
    #204026

    Quoto quasi tutto quello che dice Anfeo ma ci sono un paio di punti sui quali non concordo.

    'anfeo' wrote:

    Proprio semplice non direi. Programmare per android è abbastanza difficile, non tanto per le versioni, in quanto basta sceglierne una e bon, ma il difficile è riuscire a destreggiarsi tra i vari formati per lo schermo che a volte sono davvero tanti, in oltre hai altre problematiche legate a funzioni che certi cellulari hanno e altri no. Non c'è bisogno di sottolineare il fatto maggiore compatibilità  ha il tuo gioco e maggiori possibili acquirenti potresti avere ;).

    Non e' del tutto vero dipende da quello che sai fare programmando, nell'SDK Android esistono funzioni apposite per sapere cosa si trova a bordo e quale sia la risoluzione di uno smartphone, il vero difficile e' programmare la propria applicazione perché si adatti alle caratteristiche dell'hardware. Oppure se la si vuole fare facile contemplare una applicazione che non usi cose “esotiche”, ma solo quella che e' la dotazione standard di un dispositivo.

    'anfeo' wrote:
    …se un giochino è troppo semplice, rischi che nessuno lo compri.

    Trovo che invece siano proprio i giochi semplici o in apparenza tali quelli che vendono di più. I giocatori da Smartphone sono per lo più casualplayer e per la maggior parte non sono giocatori che giocherebbero a Skyrim. Chi gioca su Smartphone lo fa occasionalmente, nei ritagli tempo, durante una piccola pausa, aspettando l'autobus o nel viaggio per arrivare a lavoro (sperando che non stia guidando :mad: ) e sarebbe cosi anche se fosse un power gamer per i limiti di un dispositivo che in se e per se (non per la potenza ma per la caratteristiche) non può competere nemmeno con una console portatile.

    In tal senso ricordo un giochino stupidissimo su i-Phone dove un quadratino incontrava degli ostacoli (dei triangoli) e doveva semplicemente saltarli, unica interazione toccare lo schermo nel momento del salto, obbiettivo fare punti. Insomma una roba fatta anche discretamente per carità , ma non certo un capolavoro (ne di grafica, ne di game paly, ne di qualsiasi altra cosa possa venire in testa) che pero' ha venduto (si era a pagamento) milioni di copie.

    Anfeo
    Partecipante
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2124
    @anfeo
    #204027

    A volte reputiamo semplice un gioco, ma poi ci sono algoritmi complicati che lo regolano.

    Parlo sempre da grafico, quindi per me è già  complicato fare un sistema che registri il punteggio.


    {Genesis}
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 311
    @genesis
    #204028

    Beh! io parlo da persona che sta un po' più dall'altra parte della staccionata, in generale programmo (e mi piace pure farlo :mad: ) e spesso in un'applicazione la dove vedo un certo comportamento immagino un possibile codice.

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204029
    '{Genesis}' wrote:

    Beh! io parlo da persona che sta un po' più dall'altra parte della staccionata, in generale programmo (e mi piace pure farlo :mad: ) e spesso in un'applicazione la dove vedo un certo comportamento immagino un possibile codice.

    Spero allora che mi perdonerai il mio commento sul programmare (mi riferisco al grigiore di qualche post fa) :)

    Beh, io ho qualche rimembranza del semplice basic di qualche anno fa (molti anni fa…) studiato approssimativamente alle superiori.

    Hai qualche consiglio per un povero fosso che vorrebbe cominciare a programmare? So, da quello che ho letto, che è più conveniente, per questo mondo (parlo di android e mobile gaming), imparare il Java, confermi?

    Anfeo, quello che dici sui diversi dispositivi è vero, pero è anche vero che dall'altra parte, IOS, non pare essere tutto rose e fiori. Sono ormai diversi i dispositivi Iphone (1, 3, 4 e si parla già  del 5) in circolazione. Con android ci sono varie specifiche da rispettare, tutti i modelli che hanno nativamente installata una versione devono rispondere a determinate caratteristiche che, diciamo, unificano un po' e rendono più semplice la cosa. Non dico che sia semplice, o che il problema da te sollevato non esista, però non è come avere a che fare con PC, dove le combinazioni sono praticamente infinite. Ovvio poi che se ottimizzi un prodotto per il pennino di Galaxy s2 (mi pare si chiami cosi) allora si, ti precludi tutti gli altri che invece vanno di touch.

    Anfeo
    Partecipante
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2124
    @anfeo
    #204030

    Il fatto è che su Unity mi hanno fatto vedere che se metti due cubi e un personaggio, con due click puoi far muovere il personaggio e farlo interagire sui cubi che posso essere soggetti ad una fisica tipo quella del GE.

    OK fino a lì puoi anche aver creato una specie di game play, ma tutto il resto non lo vedo tanto rose e fiori per chi è a digiuno di programmazione ad oggetti. Ora non so se il javascript di unity venga convertito in automatico per IOS e Android o se c'è bisogno di fare una conversione a mano o creare un ponte.


    {Genesis}
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 311
    @genesis
    #204031

    Jholen non preoccuparti per il grigiore non mi sono certo offeso, quello che piace o appassiona e' diverso per ognuno di noi :wink:

    In merito al programmare visto che chiedi un consiglio mi permetto un avviso, non confondere la programmazione con il linguaggio, spesso quando si studia programmazione lo si fa usando un linguaggio di supporto (C, C++, JAVA, V:cool: il che porta erroneamente a collegare linguaggio e programmazione unendole in una entità  unica ma non c'è nulla di più errato.

    Saper programmare significa saper scomporre il problema per trovarne la soluzione e usare degli strumenti per raggiungere questa soluzione.

    Gli strumenti sono quell'entità  astratta che permette di raggiungere la soluzione (in pratica sono variabili, costanti, cicli e strutture di controllo)

    Il linguaggio e' quella cosa che implementa gli strumenti fornendoli una grammatica che ne permette l'uso.

    Chiarito questo, visto che sei intenzionato a sviluppare per dispositivi mobili e considerata la diffusione di JAVA in tali dispositivi, direi che ti conviene unire l'utile al dilettevole, quindi studia pure JAVA, ma occhio a separare la soluzione dal linguaggio. :wink:

    Spero di essere stato chiaro, ma mi sa di no :oops:


    @Anfeo
    : Il “bello” di JAVA (occhio non e' javascript) e' che basandosi su una macchina virtuale può fregarsene del dispositivo in quanto il codice gira in un ambiente virtualmente sempre identico e dalla stesse caratteristiche. Quindi Unity una volta generato il bytecode non fa altro che “installarlo” nella VM, la differenza e' che nell'i-Phone, dove la VM JAVA non esiste, Unity deve anche metterci la VM.

    O almeno questo e' quello che ho capito.

    P.S.: Installarlo e' tra virgolette perché lo ho usato in modo davvero improprio.

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204032

    Ok, ti ringrazio, sei stato molto chiaro :)

    Per Java e unity, so per certo che Unity è scritto in C++, e che usa una specie di converter per trasformare il codice che scrivi sulla sua shell (che può essere in C# o Java o Bamboo (mi pare si chiami cosi…) in un linguaggio a lui congeniale. Lo stesso fa quando esporti, trasforma quanto scritto nel linguaggio congeniale all'os dove dovrà  girare (e infatti scrivi una volta sola il codice e poi lui lo passa senza troppi problemi in Android, IOS, XBox e quant'altro)

    La cosa che al momento mi spiazza è il numero di comandi e variabili presenti in Java. àˆ vero, come afferma Anfeo, che unity fa il lavoro base, ma alla fin fine non è poi cosi problematico creare delle funzioni base (in un tutorial si scriveva il codice per far aprire una porta al passaggio del protagonista, non mi è parso complicatissimo, ma ovviamente non saprei come comportarmi, ora come ora, se mi si chiedesse di risolvere un problema (come accennato da Genesis) e trasporlo in codice.

    Ovviamente, sono consapevole che mi servirebbe un socio/collaboratore, cosi che io mi possa concentrare sulla grafica e l'altro sul codice, ma prima di tutto dovrei trovare qualcuno disponibile e non è facile, perché quel qualcuno deve essere fidato, quel qualcuno deve essere abbastanza in gamba da saperlo fare e sopratutto ci si deve pure andare d'accordo :) Per questo sono assai scettico quando vedo nascere piccole società …

    alch3mist
    Partecipante
    • Blenderista
    • Post sul Forum 318
    @alch3mist
    #204033

    Raga, ma per avere unity bisogna farselo spedire a casa anche se è la versione gratuita?

    MI sono fato l'account su sito di unity, vorrei scaricarlo, ma non riesco a capire come si fa :oops:

    EDIT

    Come non detto non avevo visto il tasto download, ma ero finito nel carrello online :oops:

    PS

    Discussione interessante, da laureando in ingegneria informatica e ovviamente appassionato di grafica, l'argomento mi interessa!

    {Genesis}
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 311
    @genesis
    #204034
    'Jholen' wrote:
    Ok, ti ringrazio, sei stato molto chiaro :)

    Eheh! di nulla. :wink:

    'Jholen' wrote:
    Per Java e unity, so per certo che Unity è scritto in C++, e che usa una specie di converter per trasformare il codice che scrivi sulla sua shell (che può essere in C# o Java o Bamboo (mi pare si chiami cosi…) in un linguaggio a lui congeniale. Lo stesso fa quando esporti, trasforma quanto scritto nel linguaggio congeniale all'os dove dovrà  girare (e infatti scrivi una volta sola il codice e poi lui lo passa senza troppi problemi in Android, IOS, XBox e quant'altro)

    Mmm!? devo documentarmi meglio. Detta cosi mi suona davvero strana come cosa, mi fa quasi pensare che loro stessi abbiano creato una VM che poi uniscono al codice creato dall'utente. :???:

    'Jholen' wrote:
    La cosa che al momento mi spiazza è il numero di comandi e variabili presenti in Java.

    Non farti spiazzare da falsi problemi, il JAVA, come il C o il C++ o il C# e altri non ha cose trascendentali.

    I tipi di dato sono sempre quelli, int, float, char, array, …

    Le strutture di controllo sono sempre quelle, for, while, if, switch, …

    Le altre “cose” sono tutte funzioni/metodi create con la roba di sopra.

    Ti faccio un esempio semplice, il classico “Hello, World!”, sappiamo perfettamente che il codice per scrivere tale frase nello specifico e':

    – per il C —> printf(“Hello, World”);

    – per JAVA -> System.out.println(“Hello World!”);

    Ma come per il C scrivere prinf senza avere precedentemente inserito un #include anche in JAVA non ci si puo limitare a scrivere println. Entrambi i linguaggi necessitano di sapere dove trovare la funzione/metodo da utilizzare.

    Cosi', come #include dice al compilatore C da quale libreria prendere la funzione, la scritta System.out dice al compilatore JAVA che il metodo da usare si trova nella sezione out (lo standar output) della classe System.

    Insomma, per quanto i paradigmi possano essere diversi (OOP il JAVA, programmazione strutturata C) da determinati concetti o modi di operare non si sfugge.

    E che i paradigmi siano in buona misura (ma ovviamente non del tutto) una questione di comodo lo fa capire il fatto che si può addirittura arrivare a scrivere ad oggetti persino col C, non e' facile ma ci si arriva (in modo diverso).

    'Jholen' wrote:
    àˆ vero, come afferma Anfeo, che unity fa il lavoro base, ma alla fin fine non è poi cosi problematico creare delle funzioni base (in un tutorial si scriveva il codice per far aprire una porta al passaggio del protagonista, non mi è parso complicatissimo, ma ovviamente non saprei come comportarmi, ora come ora, se mi si chiedesse di risolvere un problema (come accennato da Genesis) e trasporlo in codice.

    Per risolvere un problema di solito ci si basa su esperienze passate o si cerca della documentazione, arrivando anche ad un “approccio matematico” dove il problema (come le funzioni) viene semplificato, fino (addirittura e se possibile) a disegnarlo su un foglio di carta. Insomma e' un processo dove tutto quello che si ha a disposizione viene usato, mischiato e rimesso in gioco e come in una buona ricetta di cucina messo a puntino.

    Jholen
    Membro
    • Blenderista
    • Post sul Forum 120
    @jholen
    #204035
    'alch3mist' wrote:

    Raga, ma per avere unity bisogna farselo spedire a casa anche se è la versione gratuita?

    MI sono fato l'account su sito di unity, vorrei scaricarlo, ma non riesco a capire come si fa :oops:

    EDIT

    Come non detto non avevo visto il tasto download, ma ero finito nel carrello online :oops:

    PS

    Discussione interessante, da laureando in ingegneria informatica e ovviamente appassionato di grafica, l'argomento mi interessa!

    Devi registrarti, quindi attendere la conferma, una volta fatto ti viene mandato il link per scaricarlo e in un altra mail il codice di attivazione. Non è che hai inserito una mail errata?

    Edit: ho visto solo all'ultimo mento che avevi corretto… :)

    Grazie di nuovo genesis. Nel frattempo ho messo un annuncio cercando qualcuno che sappia programmare e che voglia collaborare a questo piccolo progetto. Se non da i risultati sperati, alla fine di un paio di lavori che non posso procrastinare, mi metto sotto e studio un po' di codice, sperando che impieghi meno tempo di quanto ho impiegato ad imparare il 3d… :oops:

Stai visualizzando 19 post - dal 1 a 19 (di 19 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.