Installazioni multiple di Blender

Status della richiesta: Risolto
Stai vedendo 20 articoli - dal 1 a 20 (di 20 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #757280

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Salve a tutti,

    Volevo chiedervi delle informazioni.

    Io attualmente ho installato la 2.79 (tramite installer ufficiale) e ho installato svariati add-on.

    Volevo chiedere la seguente cosa.

    Vorrei installare altre due versioni di Blender, la build 2.79 completa del fracture ecc ecc e la beta della 2.80 per iniziare a guardare un po’ la versione nuova.

    Posso avere piu’ installazioni?

    Per il discorso addon, come funziona? devo installarli specificatamente per ogni installazione o posso condividerli?

    Grazie mille per qualsiasi info / suggerimento.

    #757282

    Andrea Coppola
    Partecipante
    • Blender Foundation Certified Trainer
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Certamente. Basta che cambi la cartella di destinazione. Puoi installare tutte le versioni che desideri.

    #757285

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Grazie mille Andrea! (P.S. sto per iniziare a seguire un tuo corso 🙂 , ne ho parlato giusto poche ore fa’….)

    Posso installare con l’installer piu’ versioni o consigli di usare le versioni portable?

    Scusa la domanda che probabilmente per voi e’ ovvia….come faccio a cambiare la cartella di destinazione? Sino ad ora ho sempre avuto solo una versione di Blender installata (sempre quella ufficiale via installer)…

    Grazie mille di nuovo

    #757287

    Andrea Coppola
    Partecipante
    • Blender Foundation Certified Trainer
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Quando scarichi Blender 2.8, fai il download di uno zip. Quando lo scompatti hai una cartella pronta che devi semplicemente copiare nella cartella Blender Foundation sul tuo PC accanto alla cartella di Blender 2.79.

    #757310

    luigi
    Partecipante
    • Blenderista
    • Post sul Forum 264

    Ciao, scaricati sempre i file zip e dentro alla cartella blender\2.79 o blender\2.80\  crea una cartella chiamata config

    prima di avviare blender mi raccomando .. e lui dopo vede quella cartella .. fa tutto lì e usa i addon che si trovano lì.

    ti allego screenshot.

     

    solito sistema funziona anche sotto Linux.

    In OSX non saprei .. mai visto e mai usato.. perché costa troppo il MAC per me.

    Saluti.

    #757327

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Grazie ad entrambi davvero di cuore!

    Io lavoro in ambiente windows quindi seguiro’ i vostri consigli.

    Di nuovo grazie

    #757328

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Da me attualmente l’installazione, che ripeto ho fatto con l’installer ufficiale della 2.79, e’ al percorso C:/programmi/Blender foundation/Blender/

    Poi all’interno della cartella Blender ho svariati file .dll ecc ecc assieme alla cartella 2.79.

    Dentro la cartella 2.79 ho solo tre cartelle: Datafiles, Pyton e scripts.

    Ora cerco di capire come fare la procedura che mi avete indicato sopra….

     

    P.S. quando uscira’ la versione definitiva, sara’ possibile utilizzare l’installer ufficiale ed avere due versioni, la 2.79 e la 2.80 installate entrambe con i loro installer ed ognuna con i relativi add on installati separatamente…..installazioni ben distinte e funzionanti?

     

    #757331

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Forse questa guida può essere utile:

    Installare Blender 2.78 versione Portable (Guida) – Versione HTML

    e questa (versione in PDF e link al file addon_utils.py):

    Installare Blender versione Portable (Guida)

    Blender non necessita di alcuna installazione e l’uso delle versioni portable consente di disporre e di usare versioni diverse di Blender sulla stessa macchina. Una volta compreso come è strutturato Blender si tratta di fare in pratica dei semplici copia e incolla di file e cartelle.

    #757344

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Grazie mille anche a te per le guide.

    Ora me le guardo subito.

    Spero solo che avendo installato a suo tempo la 2.79 con il suo installer, di poter seguire le guide comunque sperando che l’installazione da installer non comprometta l’installazione multipla.

    (non capisco perche’ diano sia l’installer sia la versione zip)

    #757346

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Danno la versione con l’Installer di Windows per i più pigri 🙂

     

    Se volete tenere aggiornata la versione giornaliera di Blender 2.80 consiglio caldamente di usare questo tool:

     

    https://github.com/overmindstudios/BlenderUpdater/releases

     

    Una volta creata la cartella come da guida ed aggiunto quanto serve (config, addons eccetera), basta eseguire l’updater (va prima copiato nella cartella di Blender ed impostato) che scarica la versione del giorno andando a sovrascrivere tutto meno i file e cartelle aggiunti come da guida. Quindi, nel mio caso, devo fare solo due modifiche:

    1) rinominare e sostituire la cartella \colormanagement in \datafiles con quella di Troy Sobotka;

    2) rinominare (per backup) e sostituire il file addon_utils.py nella cartella \scripts\modules.

     

    Giusto per stare, come si dice, “dalla parte del frumentone” (antica saggezza contadina), cancello tutte le cartelle __pycache__ contenenti i file Python pre-compilati.

     

    That’s All Folks!!!

    #757706

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Scusate se riuppo.

    Sicuramente sfugge qualcosa a me, a livello di smanettamento software non me la cavo bene…..ma sto avendo problemi nel capire come far convivere due versioni di blender distinte e separate e soprattutto con i loro addon ben divisi, nel senso, ogni versione deve avere i suoi addon ben specifici.

    Sto ultimando dei lavori con la 2.79 e ho bisogno di tenerla installata, con tutti i vari add on che utilizzo. ma mi vorrei preparare all’arrivo della 2.80.

    Visto che ho installato la 2.79 con l’installer ufficiale, posso aspettare che venga pubblicata la versione defintiva con relativo installer anche della 2.80 e installare anche la 2.80 tramite installer?

    Funziona o crea problemi di sovrascritture ecc ecc?

    Quando Blender installa un add on, dove lo va ad installare perche’ rimanga specifico solo per una versione?

     

    Scusate, spero di essermi spiegato bene.

    #757710

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Ho trovato entrambi i percorsi:

    1. Appdata/Roaming/Blender foundation/Blender che al suo interno contiene una cartella 2.79 (che a sua volta ha una cartella “config” e “scripts”) e una cartella data
    2. Programmi/Blender foundation/Blender e al suo interno c’e un contenuto simile alle versioni ZIP: Cartella 2.79 e un elenco di dll e .exe.

    Trovato i percorsi pero’, non ho ben capito dove e come scompattare lo zip e cosa devo fare per mantenere le due installazioni ben distinte ed entrambi funzionanti, ognuna con i suoi plugin/addon

    #757737

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Se hai compreso come funziona l’installazione della versione portable in base alla guida, allora basta seguire lo stesso metodo per qualsiasi versione portable di Blender, ognuna con le proprie configurazioni ed Add-ons.

    Dove creare la cartella radice della versione che vai a scompattare dipende solo da te e da come lavori.

    #757768

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Io vorrei tenere il tutto come viene tenuto tramite l’installer originale.

    E’ possibile fare due installazioni utilizzando gli installer? mi spiego: ho gia’ installato la 2.79 con l’installer.

    Quando uscira’ la 2.80 ufficiale con l’installer posso usarlo o andrei a sovrascrivere qualcosa?

    La guida l’ho letto ma in alcuni punti non mi e’ stata chiara, ribadisco, la guida e’ fatta bene, sono io che non sono molto pratico a livello “software”

    #757807

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Non ho mai provato ad “installare” Blender pertanto non mi sono mai posto il problema che stai sollevando perchè con le versioni portable puoi tenere separata ogni versione di Blender.

    Quali sono i passaggi nella guida che non ti risultano chiari?

    A proposito, sentite che cosa ha da dire sull’argomento questa persona, un po’ più autorevole del sottoscritto 😉 : https://youtu.be/spKJ2jbnVI8?list=PLa1F2ddGya__l2Tk4zzq8c6CNGPCjQaS4&t=929

     

     

     

    #757808

    Nevermind3r
    Partecipante
    • Blenderista
    • Post sul Forum 11

    Buongiorno ragazzi.

    Probabilmente non è giusto procedere qui: in caso positivo, chiedo scusa e provvederò a postare altrove.

    Ho installato la 2.79a e da poco la beta della 2.80. Ho aperto e purtroppo sovrascritto un file con la 2.8.

    Adesso sembrerebbe non aprirsi più con la 2.79a… fortunatamente era un file di prova.

    Risulta anche ad altri? Conoscete dei metodi per tornare a far funzionare il file su 2.79?

    Grazie.

    #757817

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Certamente, poiché la struttura interna o DNA è cambiata in modo sostanziale. Puoi sempre esportare in formato OBJ dalla 2.80 ed importarlo nella 2.79.

    In futuro é meglio se apri una discussione a sé stante se il problema o argomento non sono gli stessi.

    #757848

    Ariandesign
    Partecipante
    • Associato Blender Italia
    • Professionista accreditato

    Ciao Harvester,

    Intanto grazie per il supporto e pazienza 🙂

    Non mi sono chiari gli ultimi passaggi della guida…..ma provo a riassumere per verificare se ho capito bene.

    A) Scarico lo zip

    B) Scompatto lo zip e copio il suo interno in una cartella creata “Blender 2.80 beta” dentro /Programmi/Blender foundation

    C) all’interno dell nuova cartella apro la cartella nominata “2.80” e creo una nuova cartella “config” (non ho capito se devo fare questo passaggio, attualmente, nella cartella 2.79 NON ho questa cartella config)

    D) creo un collegamento al “blender.exe” della nuova 2.80 da mettere sul desktop

     

    Se quanto ho riportato sopra e’ corretto, Mi rimane da capire che cosa devo fare qui: Appdata/Roaming/Blender foundation/Blender

    Se ho capito bene, e’ qui che vi sono gli addon installati, giusto?

    Devo creare anche qui, manualmente, una cartella chiamata 2.80 da mettere accanto all’attuale 2.79?

    Attualmente qui ho una cartella 2.79  che al suo interno contiene una cartella “config” e una cartella “scripts”

     

    Chiedo scusa di nuovo per il papiro

    #757866

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Fermati, non è quello che ho scritto nella guida. Purtroppo sono negli Stati Uniti con tutti i problemi di fuso orario e di … fusione mentale. Quindi, abbi pazienza e vedo dopo il mio rientro a casa nel fine settimana di risponderti.

    #757935

    Harvester
    Moderatore
    • Veterano Bronzo
    • ★★★
    • Post sul Forum 2798
    • Blender Italia Staff
    • Associato Blender Italia
    • Moderatore Forum

    Mi rendo conto di non aver scritto bene la spiegazione della differenza tra i due modi di installare Blender, perciò cercherò di rimediare e probabilmente rivedrò il testo della guida. Proviamo così:

     

    Blender si può installare in due modi:

     

    • 1. tramite il pacchetto di installazione (.MSI) per Windows, verrà creata una cartella nella directory C:\Program Files o C:\Program Files (X86) a secondo che si tratti di una versione a 64 o 32 bit rispettivamente (la struttura delle cartelle ed il loro contenuto sono gli stessi sia nella versione “installabile” che in quella “portable”),
    • 2. oppure scaricando la versione “portable” in formato compresso .ZIP e scompattandone il contenuto in una cartella ad-hoc, nel mio caso in D:\Blender_2.78_stable. [Figg. 3 e 4]

     

    In entrambi i casi, quando avviamo Blender per la prima volta, verrà creata una cartella nelle impostazioni locali utente in ..\AppData\Roaming\Blender Foundation\Blender\2.78 (in questo specifico esempio) contenente dati di configurazione come l’elenco dei preferiti, il file di configurazione delle preferenze ed il file di startup ed altro a secondo dei casi.

     

    Installando più versioni di Blender con il suo installer (.MSI) bisogna specificare un percorso diverso per ciascuna versione altrimenti l’ultima installata sovrascriverà quella precedente.

    Così facendo, nella cartella utente, a secondo delle versioni installate, potranno essere presenti delle sotto cartelle come \2.78, \2.79, \2.80 e così via, ciascuna contenente le varie cartelle e file di configurazione per quella specifica versione. Queste cartelle vengono create automaticamente da Blender.

     

    Questo vale anche se si installano più versioni portable. [Fig. 10]

     

    Il procedimento che ho descritto nella guida serve invece per includere tutti i dati, compresi quelli di configurazione di cui sopra, necessari per il funzionamento di Blender, all’interno della cartella creata ad-hoc dove abbiamo scompattato la versione portable. Questo procedimento fa in modo che i dati di configurazione eventualmente presenti nelle impostazioni locali utente vengano ignorati, rendendo il Blender assolutamente autonomo.

     

    Spero che così sia più chiaro, altrimenti fammi sapere.

Stai vedendo 20 articoli - dal 1 a 20 (di 20 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.