I Modificatori

6 – Modificatori

INTRODUZIONE

I modificatori sono strumenti di Blender 3D che consentono, come suggerisce il nome, di modificare la struttura e le geometrie degli oggetti, consentendoci così di passare da una forma iniziale (spesso una primitiva, magari modificata un po' in Edit Mode manualmente o con degli operatori) a forme decisamente più complesse.

Si distinguono dagli operatori (le operazioni in Edit Mode) in quanto le operazioni non vengono applicate definitivamente all'istante: viene infatti aggiunta la scheda del modificatore, nella sezione Modifiers dell'editor Properties per l'oggetto selezionato, all'interno della quale sarà possibile definire alcuni parametri di trasformazione anche in un secondo momento, continuando a modellare e trasformare l'oggetto con altri strumenti e operazioni.

È possibile anche rimuovere un modificatore, se non lo si reputa necessario o se l'effetto finale non ci interessa, cancellandone la scheda in qualsiasi momento durante la modellazione: gli effetti introdotti dal modificatore verranno rimossi all'istante dall'oggetto influenzato; questo, unito al fatto che le modifiche introdotte da un modificatore non sono definitive fino a quando non si clicca sul pulsante “Apply” nella sua scheda, spiega la denominazione di “modellazione non distruttiva”, quando si parla dei Modifiers in Blender 3D, in contrapposizione alla “modellazione distruttiva” messa in atto con gli operatori.

STRUMENTI COMUNI NELLA BARRA SUPERIORE

Ogni modificatore realizza, ovviamente, operazioni e trasformazioni diverse sugli oggetti, tuttavia nella barra superiore della scheda di un Modifier sono presenti campi e pulsanti comuni a tutti, per cui li trattiamo qui anziché affrontarli ogni volta, ripetendo gli stessi argomenti, durante la descrizione di un modificatore specifico.

A partire da sinistra abbiamo:

  • una freccia in basso, che consente di ridurre la scheda del modificatore mostrandone solo la barra del titolo;

  • un'icona che identifica il tipo di modificatore;

  • il campo del nome, in modo da dare appunto un nome significativo al modificatore, per ricordarci a cosa serve;

  • l'icona della macchina fotografica, che serve a definire se il modificatore andrà utilizzato durante il rendering, ovvero se le modifiche da esso introdotte dovranno essere visibili in quella fase;

  • l'icona dell'occhio, che ci consente di visualizzare o meno gli effetti del modificatore nella 3D View, per valutarne gli effetti in fase di modellazione;

  • l'icona con il cubo e alcuni vertici in evidenza, che consente di visualizzare gli effetti del modificatore in Edit Mode, nella 3D View in fase di modellazione;

  • l'icona del triangolo con i tre vertici, disattivata di default (a differenza di quelle finora elencate, tutte attivate di default), disponibile per alcuni tipi di modificatori, se attivata visualizza la geometria dell'oggetto in Edit Mode adattandone la forma a quella definita dall'utilizzo del modificatore (di default, infatti, in Edit Mode viene visualizzata la geometria originale dell'oggetto, senza gli effetti dell'utilizzo del modificatore);

  • due pulsanti con delle frecce, che consentono di spostare il modificatore in alto o in basso nella pila dei modificatori, per applicarne gli effetti prima o dopo altri modificatori (maggiori dettagli più avanti in questo capitolo);

  • un pulsante con l'icona di una X, che ci consente di eliminare il modificatore, rimuovendolo dalla pila dei modificatori dell'oggetto corrente.

ORDINE DI PRESENTAZIONE DEI MODIFICATORI NELLA PILA

I modificatori vengono aggiunti ad un oggetto dalla scheda Modifiers dell'editor Properties, con l'oggetto da trasformare selezionato. Per ogni modificatore verrà quindi aggiunta una scheda all'interno del pannello Modifiers, costituendo la cosiddetta “pila dei modificatori” (Modifiers' Stack).

Un modificatore può essere spostato in alto o in basso (ovvero, prima o dopo altri modificatori) nella pila utilizzando i tasti freccia presenti in alto a destra nella sua scheda.

L'ordine con il quale i modificatori si presentano nella scheda Modifiers è infatti importante: le operazioni di trasformazione di ciascun modificatore vengono effettuate, sull'oggetto, seguendo quell'ordine, per cui mettere un modificatore prima di un altro può portare ad un risultato finale diverso da quello che si avrebbe invertendo l'ordine; es.: un modificatore Subdivision Surface posto prima di un Simple Deform – Twist porterà ad un buon effetto, in quanto la mesh originale verrà suddivisa e successivamente “arrotolata”, con le nuove geometrie (create da Subdivision Surface) che contribuiranno a produrre un effetto gradevole, mentre l'applicazione di un modificatore Twist prima di un Subdivision Surface avrà un effetto diverso, perché la mesh originale verrà prima “arrotolata” e Subdivision Surface agirà sulle geometrie già modificate da Twist.

APPLICAZIONE DEI MODIFICATORI

Come anticipato in questo capitolo, le trasformazioni introdotte dai modificatori negli oggetti non sono definitive fino a quando non si clicca su Apply, infatti fino a quel punto sarà possibile passare in Edit Mode ed esaminare e trasformare la geometria originale “ignorando” il modificatore; una volta tornati in Object Mode, il modificatore agirà sulla geometria appena trasformata, ma sempre in modalità “anteprima”, fino al click su Apply.

Cliccando su Apply, le modifiche diventeranno permanenti, come si potrà constatare passando nuovamente in Edit Mode. A questo punto, potrebbe risultare difficile o impossibile effettuare delle correzioni cercando di non tenere conto delle trasformazioni introdotte dal modificatore.

Per questo motivo, si consiglia di salvare il progetto in un file a parte prima di applicare il modificatore, quindi di applicare il modificatore e salvare il progetto così modificato in un nuovo file, in modo cioè da mantenere una “copia di sicurezza” dello stato del progetto prima dell'applicazione definitiva di uno o più modificatori.

A cura di:

 

milanese

Fancesco Milanese

bfct

Contatta Francesco Milanese per imparare velocemente o migliorare l'uso di Blender in ogni suo aspetto. Francesco Milanese offre anche altri servizi oltre l'insegnamento.

Contatta

francesco_milanese

wip_area-1