Intervista ad Alfonso Annarumma

A cura di Andrea Rotondo

BlenderGeek (https://www.facebook.com/groups/134106979989778/)

ART di Andrea Rotondo (http://www.arttech.it)

 

Ciao Alfonso, grazie per l’intervista. Partiamo subito con una domanda relativa all’attività di Bomp, da quanto tempo è nato e chi lo amministra?

Grazie a te per questa opportunità, La prima idea di Bomp in realtà è nata da quando la Blender Foundation ho iniziato a familiarizzare con Blender e con il concetto di open source, dove i progetti vengono portati avanti dalla comunità, ognuno con le sue aggiunte. Poi ho scoperto che la Blender Foundation produceva anche dei corti con questo spirito e siccome la mia passione per il cinema e il voler “fare un film” ce l’ho da bambino, mi sono detto: “L’idea di fare film open source è straordinaria, ma come si potrebbe coinvolgere meglio le altre persone? Serve una piattaforma, qualcosa che somigli ad un social, ma che permetta di gestire anche progetti”.
L’anno era quello di Big Buck Bunny e iniziava a prendere questa idea, tanto che Dario Caffoni (il precedente proprietario di Blender.it) mi aveva messo a disposizione uno spazio web e una intera sezione sul forum.
Purtroppo le mie scarse conoscenze di php e mysql non sono bastate a realizzare all’epoca quello che avevo in mente, era richiesto qualcosa di complesso che non potevo realizzare da solo (da leggersi senza spendere grossi capitali).
Il BOMP è amministrato da me, almeno il sito, poi i progetti sono tutti autonomi ecc… ma ne parliamo dopo.
Succede il famoso passaggio di proprietà di Blender,it e Alessandro Passariello (attuale amministratore di Blender.it) ci chiede un po’ di supporto per far ripartire il portale, allora inizio a studiare un po’ di worpress e grazie all’aiuto di Alessandro, scopro che i plug ing di worpress possono fare quello che sognavo all’epoca con il BOMP 1.0.

Come funziona? E che cos’è in poche parole?

Come spiegato sopra, il concetto è quello dell’open source (anche se non è obbligatorio dare licenza open un progetto sul BOMP), una persona crea un progetto che vuole realizzare. Sappiamo che fare un film (per quanto corto che sia) richiede un sacco di fasi e specializzazioni, allora il buon capo progetto cerca di creare più pezzi possibili di queste fasi che noi chiamiamo task e tramite la sezione Job, può fare dei veri e propri annunci per cercare persone che collaborino.
Il bello è che essendo tante task, magari può partecipare anche il novellino di turno, che impara a lavorare in un progetto e mette a segno piccole task (modellare una sedia, un orologio ecc…) e nel frattempo ha accesso anche a tutta la gestione del progetto (al momento fatta su trello, ma presto ci sarà qualcosa di simile anche sul BOMP).
Ora siamo pochi, ma man mano che la community si allarga ci sarà una crescita esponenziale di task e di progetti, si potrebbe puntare ad una vera e propria fucina di cortometraggi, partecipare a concorsi ecc…
Una persona potrebbe lavorare contemporaneamente a 10 progetti, piccoli contributi e una piccola parte nei titoli di coda di un film che farà il giro del mondo (es, tizio ha modellato quella sedia, ecc…).

The-end-Of-the-Battle-800x504

Quanti progetti attivi ci sono e quali progetti finiti avete realizzato?

Per progetti attivi intendiamo quei progetti che possiedono almeno un Animatic 2D, significa che è stata già decisa la sceneggiatura, lo storyboard e si conosco più o meno i tempi e le inquadrature da fare, il tutto riportato sull’animazione dello storyboard (appunto l’animatic 2D).

Di progetti attivi abbiamo The Gym 2, il seguito di The Gym, il primo corto realizzato sul BOMP 1.0 e Freetime, progetto molto attivo al momento di cui potete vedere l’avanzamento nella sezione progetti del sito.

Infatti il bello del Bomp è che i progetti possono essere privati o pubblici. Noi consigliamo sempre di tenere i progetti Pubblici e pubblicare i materiali scottanti (colpi di scena, animatic completo ecc…) solo sul task manager (per ora Trello.com). In questo modo il BOMP esegue il suo scopo principale, cioè fare da vetrina ai progetti e attirare possibili aiutanti.

12552959_861319120651550_2531906409127958663_n

render14-200x283Come vedi i tool che Blender offre per l’animazione?

I tool di Blender sono sviluppati appositamente per realizzare corti 3D. L’animazione è uno di questi, ma non dimentichiamoci che ci sono anche modellazione, sculpting, materiali, luci, rendering e compositing. In più un pratico sequence editor per aggiungere audio e montare le scene.
Se la domanda era: con Blender si può? La risposta è: con le persone si può, perché ormai Blender può essere considerata un software 3D come tutti gli altri.

Consigli per i futuri animatori?

C’è un solo consiglio che posso dare, apertura mentale (guardare di tutto e dire, io come lo farei?), studio, allenamento e studio

Sito di riferimento:

http://www.blenderonlinemoviesproject.com/

A cura di Andrea Rotondo

BlenderGeek (https://www.facebook.com/groups/134106979989778/)

ART di Andrea Rotondo (http://www.arttech.it)

Blender Italia

Amministratore del portale blender.it

Lascia un commento