Piccolo riassunto di Blender Today del 21/01/2019

Cari amici, ben tornati nella solita rubrica settimanale in cui facciamo un piccolo riassunto sulla puntata Blender Today che va in onda in diretta tutti i lunedì grazie a Pablo Vazquez che, come sappiamo, lavora alla Blender Foundation.

Queste sono le novità nella versione 2.8:

 

Tornato il “clip view” nella Viewport: l’utilissimo strumento eseguibile con il comando “ALT + B” per tagliare una porzione nella vista e poter vedere parte di essa. Ora funziona anche nella 2.8.

Novità con il Bevel: lo strumento Bevel (eseguibile in EDIT MODE, non il modificatore) adesso ha più opzioni. Dopo aver fatto “CTRL + B”, nella finestra che si apre ci sono diverse opzioni nuove, rendendo questo strumento ancora più flessibile.

NLA: ancora migliorie, adesso è diventato più predittivo e intuitivo, somigliando sempre di più a un Editor Video. I lavori sono ancora in corso.

Per gli utenti di Windows Ink c’è una bella novità: adesso Blender funziona con i tablet da disegno senza dover installare driver aggiuntivi.

Cancellare molti oggetti: adesso quella funzione è diventata molto più veloce di prima. Eliminare oggetti nella scena non comporta solo una semplice eliminazione, ma anche tutto quello che su quel oggetto vi è collegato (Parent, Constraint, la sua storia, ecc). Ora questa azione è stata velocizzata.

Migliorie in Alembic: si tratta di un formato di archivio standard per importare ed esportare tra diversi programmi. Viene usato per la produzione di Spring alla Blender Foundation; è uno strumento che velocizza notevolmente il flusso di lavoro quando ci sono diversi “asset” e tanti file diversi. La novità è che ora Alembic supporta anche le curve e le “Nurbs” tramite l’importazione delle Mesh.

Ancora migliorie nella finestra “Preferences”. L’interfaccia si adatta se ridimensioniamo la finestra (ancora lavori in corso).I lavori proseguono con “Everything Nodes”, nell’ottica di rendere sempre più cose procedurali. Il vantaggio del processo procedurale è che non è distruttivo. Possiamo fare e disfare a piacimento, senza perdere dati.

 

Pablo verso la fine della puntata spiega alcuni dei tanti metodi che Blender ha per salvare automaticamente il nostro lavoro:

Quando chiudiamo il programma (anche senza salvare) Blender salva automaticamente un file chiamato “quit.blend” nella cartella temporale del proprio sistema operativo.

Blender salva anche automaticamente ogni 2 minuti il file sul quale stiamo lavorando, sempre nella cartella temporale, anche se non avevamo mai salvato il file, nemmeno la prima volta.

E poi ci sono le famose versioni “blend1” e “blend2” create automaticamente ogni volta che salviamo, quindi Blender salva automaticamente sempre la versione precedente al nostro file prima di fare “salva”.

 

Se tutto va bene, aspettiamo per maggio l’uscita della versione stabile.

 

Ricordiamo i canali dove guardare le dirette.

 

Il lunedì alle 21:00 in inglese:

 

https://www.youtube.com/channel/UCMcDgpAEPGYyX3J9tMBel8A

 

alle 23:00 in spagnolo:

 

https://www.youtube.com/channel/UC0sRbj5rRoLOQU0Ol9yAttA

 

Alla prossima!

Piccolo riassunto di Blender Today del 14/01/2019: il primo live del 2019!

Ciao a tutti, e ben tornati in questa rubrica in cui facciamo un piccolo riassunto sulla puntata “Blender Today”, tenuta dal grande Pablo Vazquez ogni lunedì.

Quella di ieri sera è stata la prima in diretta del 2019. Le migliorie descritte riguardano la versione 2.8. Gli argomenti trattati sono:

 

  • Font en le VSE: adesso possiamo finalmente cambiare il tipo di “font” nelle scritte anche nel VSE (Video Sequence Editor).
  • Proportional editing nel Dope Sheet: premendo il tasto O possiamo usare il “Proportional Editing” anche nel Dope Sheet, potendo scalare e muovere diversi gruppi di Keyframe. Molto utile per fare cambiamenti di timing durante le animazioni.
  • La finestra “Preferences” continua a subire cambiamenti; questa fase è ancora in corso, e Pablo elenca alcuni di essi.
  •  Viene aggiunto un nuovo “layer” per dare un colore ad uno o più oggetti: mentre nella 2.79, in Cycles è possibile assegnare un colore diverso da quello del materiale (quindi abbiamo due “livelli” di colore per la visualizzazione), utile nella finestra Viewport (questo non ha a che fare con il render finale ma solo con la visualizzazione della scena), nella 2.8 viene aggiunta una terza opzione, nella voce Shading, oltre a “random”, adesso c’è “object”. Ci permette di distinguere ulteriormente un determinato oggetto quando la scena diventa complessa.
  • Cambiato lo spessore del wireframe nel viewport, rendendolo più visibile.
  • “Vista stereo” è tornata! Adesso nella 2.8 possiamo fare render di immagini 3D da vedere stereoscopicamente con gli appositi occhialini.
  • Il Workbench Engine adesso lavora con le texture anche senza interpolazione, molto utile se si vuole fare “pixel art”. Nella scheda dell’immagine nel Node Editor, scegliere la voce “closest” anziché linear. Questa funzione evita la normale interpolazione che viene fatta alle immagini, facendole vedere appositamente in modo “pixellato”. Questa funzione è già disponibile anche nell’ambiente “Texture Paint”.
  • Default Values: adesso tutte le caselle in cui è possibile cambiare il valore numerico hanno la voce “default value”, grazie alla quale è possibile ripristinare un determinato valore a quello iniziale. Molto utile soprattutto quando abbiamo lavorato molto una scena cambiando continuamente i valori della scheda Render Rettings ad esempio, e vogliamo tornare a quelli di “Default” ma non ricordiamo quali siano. Premendo il tasto “backspace” questi valori tornano automaticamente al loro valore iniziale.
  • Sono stati aggiunti alcuni oggetti “Primitive” nel Grease Pencil.
  • Una nuova opzione nelle scorciatoie da tastiera (i famosi shortcut) per passare da una scheda ad un’altra: nella 2.79 premendo ad esempio SHIFT + F3 si passava alla scheda Node Editor. Avendo tre voci diverse, dovevamo selezionare premendo gli appositi tasti per passare da quella dei nodi di materiali a quella dei nodi del World, e a quella di nodi del compositing.
  • Da adesso, premendo ripetutamente SHIFT + F3 si passa automaticamente tra queste. Questa nuova opzione vale per tutte le schede che abbiano più “sotto voci” all’interno.

 

Ricordiamo i canali dove seguire queste dirette.

 

Tutti i lunedì, alle 12:00 in inglese:

 

https://www.youtube.com/channel/UCMcDgpAEPGYyX3J9tMBel8A

 

Alle 23:00 in spagnolo:

 

https://www.youtube.com/channel/UC0sRbj5rRoLOQU0Ol9yAttA

 

Alla prossima!